Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni

Tu sei qui: Home / Cartellone / 2018 / Novembre 2018 / "La Biblioteca Vivente: chi si conosce si rispetta”

"La Biblioteca Vivente: chi si conosce si rispetta”

Evento culturale interattivo a cura dell’associazione “BibliotechiAmo” con il patrocinio del Comune di Persiceto

Dal 11/11/2018
Al 11/11/2018
Dove
Palazzo SS. Salvatore
Piazza Garibaldi 7
Orario

dalle 16.30

Per informazioni
Tel: 051.6812961
https://www.facebook.com/BibliotechiAmo/?fref=ts
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal
Conferenze, Seminari, Incontri e Lezioni
Ingresso libero

 

Non pagine da leggere ma vite da sfogliare

Portare la propria tazza perchè verrà offerta una merenda a base di tè, biscotti e tisane da gustare insieme ai libri viventi

La Biblioteca Vivente nasce, anche in Italia, sull’esempio dell’omonimo progetto danese che dagli anni ‘80 prevede l’utilizzo creativo e personalizzato della lettura comune per eliminare gli stereotipi ed è un dialogo interculturale per poter conoscere realtà di vita diverse dalla propria.
Una Living Library funziona come qualsiasi biblioteca: ci sono i libri da prendere in prestito, il catalogo dei titoli disponibili, i bibliotecari e una sala lettura con sedie e tavoli per la consultazione e infine lettori e lettrici. I libri sono però persone in carne ed ossa che si assegnano un titolo a partire da un aspetto della propria identità, che spesso le porta a subire pregiudizi e discriminazioni. Ogni lettore può prenotare un libro a scelta dal catalogo per una conversazione di circa mezz’ora, durante la quale i libri raccontano la propria esperienza di vita rispondendo alle domande poste dai lettori. Ciò consente di sperimentare sulla propria pelle il superamento del pregiudizio nei confronti del “diverso da sé”, contribuendo a creare una cultura più aperta e disponibile al dialogo, che non discrimini le persone in base alla loro origine etnica, alla religione, alle convinzioni personali, al genere, all’orientamento sessuale, all’età o alla condizione di disabilità.

associazione "BibliotechiAmo"