Azioni sul documento


A Persiceto inaugurata la “Stanza Rosa”

comunicato stampa

Nella mattinata di sabato 2 febbraio, presso il Comando Compagnia Carabinieri di San Giovanni in Persiceto, si è tenuta l’inaugurazione della “Stanza Rosa”, uno spazio per ricevere vittime di abusi e/o violenze, appositamente attrezzato anche per audizioni protette. Questo nuovo locale costituisce il secondo punto dedicato all'intervento su tali situazioni all'interno della Città Metropolitana. Per l’occasione sono intervenuti Lorenzo Pellegatti, sindaco di San Giovanni in Persiceto, Elisabetta Scalambra, consigliera delegata pari opportunità della Città Metropolitana di Bologna, il colonnello Pierluigi Solazzo, comandante provinciale dei Carabinieri di Bologna e Luca Ultori, dirigente Fondazione Ikea.
A Persiceto inaugurata la “Stanza Rosa”

Il taglio del nastro della "Stanza Rosa" a Persiceto

05/02/2019

Il nuovo spazio sarà gestito direttamente dai Carabinieri e accoglierà le denunce attraverso personale formato dal punto di vista sia giuridico che psicologico. Il locale è inoltre opportunamente separato dagli spazi comuni per assicurare la protezione della privacy. Il progetto della “Stanza Rosa” a Persiceto è nato grazie alla volontà e alla sinergia tra il Comune di San Giovanni in Persiceto e l’Unione Terred’acqua che ha aderito all’accordo attuativo di collaborazione fra Città metropolitana e Comando Provinciale Carabinieri di Bologna per la realizzazione di questi spazi protetti. Come da accordo la Fondazione Ikea ha fornito l'arredamento per la struttura realizzata.

“Il problema della violenza sui soggetti più deboli della società, donne, minori, disabili, anziani, ma anche uomini in difficoltà - ha dichiarato durante l’inaugurazione il sindaco Lorenzo Pellegatti – non va sottovalutato e soprattutto non va taciuto. I dati sui nostri territori sono sempre più rilevanti ma per fortuna quando le vittime chiedono aiuto possono contare su una rete ormai strutturata che è capace di rispondere in modo univoco. Una rete che coinvolge Enti pubblici, Forze dell’Ordine, mondo dell’associazionismo, del volontariato, cittadini, e che riesce a dare sostegno a chi ha subito violenza. L’inaugurazione della “Stanza Rosa” a Persiceto, la seconda sul territorio della Città Metropolitana, è un ulteriore tassello che va ad aggiungersi alle altre azioni a sostegno di chi subisce violenza. Oltre ai Servizi sociali comunali e all’Unità Operativa Minori dell’Asp Seneca, sul territorio sono operative diverse altre realtà: lo “Sportello di Ascolto” di Udi, la convenzione con la “Casa delle donne per non subire violenza”, il gruppo di auto mutuo aiuto “Mai più”, il progetto di prevenzione “Antenne di comunità” e tanti altri piccoli grandi progetti come i laboratori di sensibilizzazione nelle scuole, le cassette postali viola per raccogliere segnalazioni, fino alle panchine dipinte di rosso per attirare l’attenzione dei cittadini sul tema della violenza”.

ALCUNI DATI IN AMBITO METROPOLITANO – 2017 *
Il monitoraggio del 2017 in ambito Metropolitano segnala 1.250 donne che sono state accolte dai centri antiviolenza. Di queste il 36,8% sono straniere e il 62% italiane, il 45% risiede a Bologna e l’8,7% nel distretto Pianura Ovest (che raggruppa i comuni di Anzola, Calderara, Crevalcore, Sala Bolognese, Sant'Agata Bolognese e San Giovanni in Persiceto). Quasi un terzo delle donne accolte (32,2%) è nella fascia di età 40/49, il 21,2% ha tra i 18 e i 29 anni mentre il 15,5% ha tra i 50 e i 59 anni. Per quanto riguarda lo stato civile, più della metà delle donne accolte risulta coniugata (40,5%), il 13,1% convivente e il 28,6% nubile. Nella tipologia d’autore della violenza prevale il coniuge (38,7%), segue il convivente (16,3%) e l’ex (17,7%). Il 40,4% delle donne in oggetto ha subito violenza psicologica, il 28,5% violenza fisica, il 15,5% violenza economica e l’8,1% violenza sessuale. Fra le richieste di aiuto risalta il bisogno di informazione (27,3%), la necessità di ricevere consigli o supporto alla genitorialità (17,1%) e consulenza legale (13,4%).

* Elaborazione dati Città Metropolitana di Bologna per monitoraggio “Accordo di ambito metropolitano per la realizzazione di attività ed interventi di accoglienza, ascolto e ospitalità per donne che ahnno subito violenza”, anno 2017.

ALCUNI DATI IN AMBITO UNIONE TERRED’ACQUA – 2018 *
(comuni di Anzola, Calderara, Crevalcore, Sala Bolognese, Sant'Agata Bolognese e San Giovanni in Persiceto).

Nel 2018 le persone che si sono rivolte al punto di Ascolto Udi di Persiceto e Crevalcore chiedendo aiuto sono state 74 ( di cui 30 di Persiceto) e di queste 54 (di cui 22 di Persiceto) hanno fruito di una o più consulenze legali. I colloqui di consulenza legale sono stati 92 e hanno riguardato principalmente separazione o divorzio (41 casi), mantenimento o affidamento minori (19 casi), questioni economiche (12 casi), violenze, stalking e maltrattamenti (9 casi). Per quanto riguarda gli utenti 70 sono donne e 4 uomini. Le donne di nazionalità straniera che si sono rivolte allo sportello costituiscono il 34% dei casi.

*Dati Udi (Unione Donne in Italia) relativi all’attività di ascolto e consulenza legale prestata alle donne e alle famiglie presso la sede Udi di Persiceto e la Casa della Salute di Crevalcore nel corso del 2018.

Ultima modifica 05/02/2019 15:38

Servizi educativi e scolastici online

Prossimi eventi
“La Luna nella basilica di San Petronio” 19/04/2019 00:00 - 23:55 — Planetario Comunale
"Libriliberatutti!" 23/04/2019 00:00 - 23:55 — Piazzale del Centro Civico di Decima
“Le invisibili” 23/04/2019 - 24/04/2019 — cinema Giada
Prossimi eventi…
Calendario
« aprile 2019 »
aprile
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930