Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni

Tu sei qui: Home / Comunicati Stampa / 2019 / Febbraio 2019 / A Teatro con “Una storia da raccontare: quadri di memoria”

Azioni sul documento


A Teatro con “Una storia da raccontare: quadri di memoria”

comunicato stampa

Nell’ambito degli eventi promossi dal Comune in collaborazione con enti, scuole e associazioni in occasione del “Giorno della Memoria”, venerdì 1 marzo alle ore 21 al Teatro Comunale di Persiceto si terrà lo spettacolo “Una storia da raccontare: quadri di memoria” a cura della compagnia teatrale “I figli di Tanì” in collaborazione con Anpi. La rappresentazione teatrale racconta la deportazione di un migliaio di cittadini da Roccamonfina (Ce) e dintorni nel settembre 1943, il loro passaggio da Persiceto e la solidarietà ricevuta da parte della comunità persicetana. L’ingresso è gratuito.
A Teatro con “Una storia da raccontare: quadri di memoria”

La locandina dello spettacolo “Una storia da raccontare: quadri di memoria”

26/02/2019

“Questo spettacolo - spiegano gli organizzatori Primo Ilario Soravia e Patrizia Marino di Anpi Persiceto - vuole rievocare un episodio realmente accaduto, un gesto di quotidiana solidarietà umana e di resistenza spontanea al nazifascismo. Il 25 settembre 1943 un treno di deportati, stipati in carri bestiame, si fermò per 24 ore alla stazione di Persiceto: grida di aiuto e richieste di soccorso si levavano da quei carri, dove circa mille uomini erano lasciati senza potersi muovere, senza mangiare e senza bere. Quelle disperate richieste di aiuto furono raccolte da alcune donne di Persiceto che si trovavano nei pressi: incuranti delle guardie che sorvegliavano il convoglio, si avvicinarono con taniche d'acqua, frutta, abiti e le convinsero ad aprire i portelloni quel tanto per dare soccorso. La maggior parte di questi deportati erano stati rastrellati il 23 settembre ‘43 a Roccamonfina (Ce): molti di loro fecero ritorno al paese d’origine ma solo alcuni e solo di recente hanno trovato il coraggio si raccontare queste tristi e dolorose vicende. Ed è grazie a queste testimonianze che siamo venuti a conoscenza di un gesto di grande umanità e coraggio da parte delle donne persicetane. Il racconto di questi eventi ha spinto un gruppo di ragazzi di Roccamonfina ad indagare su quei fatti, sino a formare una compagnia di teatro amatoriale e a scrivere una pièce teatrale che racconta un fatto storico e al contempo rende omaggio alla comunità persicetana per l'aiuto dato spontaneamente a sconosciuti. Oggi è per noi un onore poter ospitare questi ragazzi nel nostro teatro ed anche un dovere che sentiamo verso la popolazione di questo territorio. Ogni volta che è possibile è necessario dare voce alla Memoria, affinché i fatti terribili che hanno macchiato parte della storia del ‘900 non accadano mai più”.

26.02.2019
Ufficio Stampa

Ultima modifica 26/02/2019 13:09