Archivio vecchi tributi

Imposta comunale sugli immobili

Dal 1° gennaio 2012 l'Ici è stata soppressa ed è entrata in vigore la nuova Imposta Municipale Propria (Imu). Il servizio Entrate e Tributi continuerà a gestire l'Ici effettuando le attività di accertamento e di rimborso sulle annualità pregresse.

Si ricorda che per le persone fisiche e giuridiche che avevano la residenza e/o la sede legale o operativa nei comuni terremotati (tra cui il Comune di San Giovanni in Persiceto) il termine ultimo per la presentazione della Dichiarazione Ici per l'anno 2011 è stato fissato al 30 aprile 2013.

Di seguito vengono riportate le ultime istruzioni al pagamento dell’Ici valevoli per l’anno 2011, il Regolamento Ici, l'ultima Delibera comunale di approvazione delle aliquote oltre alla Delibera di aggiornamento dei valori di riferimento per le aree edificabili per l'anno 2011 che possono essere utili per richiedere eventuali rimborsi o compensazioni dell'imposta con l'Imu (da richiedere entro 5 anni dal versamento).

Consulta le istruzioni per l'anno 2011

Aliquote, detrazioni e riduzioni per l'anno 2011

Valori di riferimento Ici per l'anno 2011

Regolamento Ici

Regolamento per l'applicazione degli interessi moratori sui tributi comunali

Calcola il valore Ici

Relazione valutazione delle aree edificabili

Relazione valutazione delle aree edificabili (zone A ed E)

Ultima modifica 29/10/2014 09:35

Azioni sul documento

Tariffa Integrata Ambientale

Dal 1° gennaio 2013 la Tariffa Integrata Ambientale (Tia) relativa alla gestione del ciclo dei rifiuti solidi urbani è stata soppressa ed è entrato in vigore il nuovo Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi (Tares)

Geovest continuerà a gestire la Tariffa Integrata Ambientale (Tia) relativamente ad eventuali recuperi o rimborsi sulle annualità pregresse.

La Tia viene determinata con il seguente sistema di calcolo:

  • per le abitazioni civili si tiene conto non solo della superficie dell’immobile e delle relative pertinenze, ma anche dei componenti del nucleo familiare che lo occupa;
  • per le attività, si tiene conto della tipologia prevista dalla legge e della superficie. Per facilitare l’applicazione della tariffa alle ditte, la legge ha previsto dei coefficienti medi da applicare a seconda dell’attività esercitata che tengono conto della produttività media.

Due sono le componenti che formano la tariffa finale: una quota fissa e una quota variabile.
La quota fissa riguarda i costi fissi del servizio, quelli che non dipendono dalla quantità di rifiuti prodotti e che non sono divisibili (ad esempio lo smaltimento dei rifiuti e la pulizia della città).
La quota variabile copre i costi che dipendono dalla quantità dei rifiuti prodotti.

La tariffa era determinata dal Comune e tutto quello che è stato deliberato dall’Ente Locale in materia tariffaria (costi del servizio, ambito di applicazione, classificazione dei soggetti, determinazione della tariffa) è disciplinato da uno specifico regolamento. In esso sono contenuti anche i criteri di riduzione della tariffa e chi ne ha diritto. Chi praticava il compostaggio domestico aveva diritto ad una riduzione del 30% sulla parte variabile della tariffa. Per maggiori informazioni consulta la pagina sul compostaggio domestico.

Maggiori informazioni su www.geovest.it

Sportello Geovest
presso Ufficio Tributi, piazza Cavour 2
lunedì e mercoledì dalle 8.30 alle 12.30; giovedì dalle 15.00 alle 18.00 previo appuntamento al numero 051.6812944
presso Centro Civico di Decima, venerdì ore 8.30-12.30, tel. 051.6812066

 

Ultima modifica 29/10/2014 09:38

Azioni sul documento

Tares

Delibera tariffe Tares anno 2013
Tariffe Tares 2013
Delibera tariffe tares 2013 n. 86
Modifica delle tariffe della Tares e della scadenza del versamento della seconda rata per l'anno 2013
Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (Tares)
Dal 1° gennaio 2013 è entrato in vigore il Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi (Tares) a copertura del costo della gestione dei rifiuti e dei servizi indivisibili dei Comuni.

Azioni sul documento

Azioni sul documento