Canone per i passi carrabili

Dal 2011 è stato ripristinato il pagamento del canone per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche sui passi carrabili (delibere del Consiglio comunale n. 14 dell'8/02/2011, n. 21 dell'1/03/2011, n. 26 del 10/04/2012).

Ecco alcune indicazioni pratiche per l’individuazione del tipo di passo carrabile di cui si è proprietari e per l’eventuale pagamento del canone.

Cos’è un passo carrabile?

Il Codice della strada lo definisce come “un accesso ad un'area laterale idonea allo stazionamento di uno o più veicoli”; per semplificare potremmo dire che è lo spazio necessario al transito di veicoli fra un’area privata e una strada pubblica. I passi carrabili si distinguono in due tipologie:
A) passi carrabili con opere permanenti sulla strada, quali ad esempio tagli nei marciapiedi, scivoli, rampe, copertura di fossi per il deflusso delle acque, ponticelli e simili o qualsiasi modifica del piano stradale intesa a facilitare l’accesso alla proprietà privata;
B) passi carrabili a raso individuati da aperture nella proprietà privata dalle quali ci si immette direttamente sulla strada senza che esistano opere.

Chi deve obbligatoriamente richiedere la concessione e apporre il cartello di passo carrabile?

I passi carrabili con opere permanenti (A) devono essere tutti obbligatoriamente autorizzati e individuati con l’apposito segnale rilasciato dal Comune; invece per i passi carrabili a raso (B) l’autorizzazione e il cartello non sono obbligatori, ma se il cittadino vuole esporre il cartello per mantenere libero lo spazio deve richiedere la concessione.

Attenzione: i passi carrabili in corrispondenza di piste pedonali, piste ciclabili e piste ciclopedonali delimitate da una riga tratteggiata sulla strada e i passi carrabili in corrispondenza di marciapiedi bassi costruiti senza lo scivolo o l'interruzione in corrispondenza dell'accesso, in assenza di modifiche del piano stradale, rientrano tra i passi carrabili a raso (B). In questi casi se il passo è già segnalato dal cartello ma il cittadino non vuole riservarsi la libertà dell'accesso può riconsegnare la segnaletica al comune.

Per ogni passo carrabile autorizzato e munito dell’apposito cartello è dovuto il canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche. Il cartello viene consegnato al momento del rilascio della concessione ad occupare il suolo pubblico, previo pagamento di 10 euro a titolo di rimborso spese, e deve essere collocato sulla linea di confine tra la proprietà privata relativa al passo carrabile e la strada, ben evidente per chi transita.
Per fare la richiesta di autorizzazione di passo carrabile è necessario essere proprietario (privato o azienda) dell’immobile o amministratore se si tratta di un condominio. L’autorizzazione viene rilasciata per la durata di 29 anni.

Come regolarizzare un passo carraio non ancora censito?

Per i passi carrabili già esistenti al 28/02/2011 ma di fatto non ancora autorizzati e pertanto senza il cartello rilasciato dal Comune, dovrà essere presentata domanda di regolarizzazione.
L’Amministrazione comunale provvederà, fatte le opportune verifiche, al rilascio dell’autorizzazione al mantenimento del passo carrabile esistente, previo pagamento del canone per l’occupazione del suolo pubblico con decorrenza 1/01/2011; per chi non avrà adempiuto scatteranno le sanzioni previste dal Codice della strada.
I contribuenti interessati potranno presentare richiesta di autorizzazione di passo carrabile, di rilascio del cartello segnaletico e di concessione permanente (29 anni) di occupazione del suolo pubblico utilizzando il modulo predisposto e allegando documentazione fotografica.

A quanto ammonta il canone annuo per il passo carrabile

Per l'anno 2017 sono state confermate le medesime tariffe vigenti negli anni precedenti (dal 2013 al 2016):

  • Prima categoria: centro storico del capoluogo (area compresa all’interno dei viali di circonvallazione)  26,84 al mq;
  • Seconda categoria: centro edificato a prevalente destinazione residenziale e/o commerciale, centri abitati del capoluogo, di San Matteo della Decima, di Biancolina, Amola e Le Budrie, di Castagnolo e di Villa € 21,40 al mq;
  • Terza categoria: zone a prevalente destinazione produttiva-artigianale (zone artigianali del Capoluogo e di San Matteo della Decima) € 16,13 al mq;
  • Quarta categoria: restanti zone, a prevalente destinazione agricola e borgate sparse e le aree adibite a verde pubblico attrezzato all’interno dei centri edificati € 13,54 al mq.

 

Per visualizzare con esattezza la zona di appartenenza consultare la planimetria contenuta nel Regolamento per l'applicazione del canone per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche

Per determinare il canone da versare si applica la tariffa ai metri quadri ottenuti moltiplicando la larghezza del passo carrabile (misurata in metri lineari con arrotondamento al metro lineare superiore), per la larghezza convenzionale di 1 metro. Dopo l’indicazione delle misure da parte del cittadino il Comune calcolerà direttamente l’importo del canone da versare e consegnerà all'interessato un bollettino di conto corrente postale già compilato; per gli anni successivi l'importo da versare verrà inviato tramite bollettino MAV. Per l'anno 2017 la scadenza per il versamento è stata confermata al 31/10/2017.


A decorrere dall’anno 2012 è stato inserito un limite massimo di metri: ogni passo carrabile è soggetto al pagamento del canone nel limite massimo di 5 metri e comunque non oltre 15 metri complessivi nel caso di più accessi intestati allo stesso soggetto.
È prevista una riduzione del 30% della tariffa per coloro che risultano in possesso del "contrassegno invalidi" (valido almeno 5 anni) previsto dal Nuovo Codice della Strada e dal relativo Regolamento di esecuzione ed attuazione, nonchè per i soggetti con invalidità superiore a 2/3 e per i soggetti portatori di handicap grave ai sensi della L. 104/92.

Dove presentare domanda e chiedere informazioni

Le richieste di autorizzazione di passo carrabile, le eventuali richieste di voltura di passi già autorizzati, le dichiarazioni di possesso del contrassegno invalidi e degli stati di handicap e di invalidità possono essere presentate all’Urp (n. verde 800.069678) o allo Sportello passi carrabili presso l'Ufficio Entarte e Tributi (con entrata dalla porta su Piazza Cavour, 2).

Modulistica utile

Lo sportello passi carrabili (tel. 051.6812947) è disponibile per informazioni dettagliate e ricevimenti nei seguenti giorni ed orari: il lunedì e il mercoledì dalle 8.30 alle 12.30 e, su appuntamento il giovedì dalle 15.00 alle 18.00.

passicarrai@comunepersiceto.it

Il Funzionario Responsabile del Cosap passi carrabili è Daniela Tubertini Responsabile Servizio Entrate e Tributi (nomina con Delibera di Giunta comunale n. 18 del 26/02/2015)

Ultima modifica 19/09/2017 10:39