Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni

Tu sei qui: Home / Notizie / 2014 / Maggio / Elezioni del 25 maggio: come, dove e quando si vota

Elezioni del 25 maggio: come, dove e quando si vota

Domenica 25 maggio 2014 si vota per il rinnovo del Parlamento Europeo e per eleggere il Sindaco e il Consiglio comunale. Ecco alcune informazioni utili per votare a San Giovanni in Persiceto.

 

 

Quando si vota

Si vota domenica 25 maggio dalle ore 7.00 alle ore 23.00.

Dove si vota

Dal momento che le scuole primarie "Garagnani" e "Quaquarelli" sono ancora inagibili causa terremoto, le sezioni normalmente ospitate in quelle sedi sono trasferite presso la scuola secondaria "Mameli" e la scuola primaria "Romagnoli". In particolare:

  • Gli elettori assegnati alle sezioni elettorali 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 e 25 dovranno recarsi presso la scuola primaria "Romagnoli" in via Rodari 22; tutte le sezioni saranno ubicate al piano terra, sia all'interno dell'edificio principale che nei moduli provvisori.

  • Gli elettori residenti alle Budrie ed assegnati alle sezioni 17 e 26 dovranno recarsi invece presso la scuola secondaria "Mameli", in via Malpighi 2 nel capoluogo. 

Mappa per raggiungere i seggi presso le scuole "Mameli" e "Romagnoli"

Ubicazione delle sezioni elettorali per l'anno 2014

Per favorire il raggiungimento dei seggi da parte degli elettori disabili o con difficoltà motorie, il Comune organizza un servizio di trasporto pubblico gratuito che funzionerà domenica 25 maggio dalle ore 7 alle ore 23 e, in caso di ballottaggio, domenica 8 giugno dalle ore 7 alle 23. Gli interessati possono farne richiesta all'Ufficio elettorale.

Agevolazioni di viaggio per i cittadini che vorranno recarsi al voto utilizzando l'aereo, il treno, la nave o viaggeranno in autostrada.

Come si vota

Elezioni europee
All'atto della votazione, l'elettore riceverà una scheda di colore marrone (circoscrizione nord-orientale comprendente Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Emilia Romagna). Fac-simile della scheda elettorale
Il voto di lista si esprime tracciando un segno sul contrassegno corrispondente alla lista prescelta. Ciascun elettore può anche esprimere voti di preferenza esclusivamente per candidati compresi nella lista votata. È possibile esprimere fino a un massimo di tre voti di preferenza per candidati di una lista. Nel caso di tre preferenze espresse, queste devono riguardare candidati di sesso diverso, pena l’annullamento della terza preferenza.
Un solo voto di preferenza può essere espresso per un candidato delle liste rappresentative delle minoranze di lingua francese della Valle d’Aosta, di lingua tedesca della provincia di Bolzano o di lingua slovena del Friuli Venezia Giulia, che sia collegata ad altra lista presente in tutte le circoscrizioni nazionali.
I voti si esprimono scrivendo, nelle apposite righe tracciate a fianco del contrassegno della lista votata, il nome e cognome o solo il cognome dei candidati preferiti compresi nella lista medesima; in caso di identità di cognome fra più candidati, si deve scrivere sempre il nome e il cognome e, se occorre, la data e il luogo di nascita.
Per ulteriori informazioni consulta il Vademecum per le Elezioni europee sul sito del Ministero dell'Interno.

Elezioni amministrative
All'atto della votazione, l'elettore riceverà una scheda di colore azzurro > Fac-simile della scheda elettorale
Il cittadino può esprimere il proprio voto in tre modi diversi:

  • tracciando un segno solo sul simbolo di una lista, assegnando in tal modo la propria preferenza alla lista contrassegnata e al candidato Sindaco da quest'ultima appoggiato;
  • tracciando un segno sul simbolo di una lista, eventualmente indicando anche la preferenza per uno o due dei candidati alla carica di Consigliere appartenenti alla stessa lista, e tracciando contestualmente un segno sul nome di un candidato Sindaco non collegato alla lista votata: così facendo si ottiene il cosiddetto "voto disgiunto"; in caso si esprima una doppia preferenza per la carica di consigliere è necessario indicare un uomo e una donna, pena l’annullamento della seconda preferenza;
  • tracciando un segno solo sul nome del Sindaco, votando così solo per il candidato Sindaco e non per la lista o le liste a quest'ultimo collegate.

Nei Comuni con più di 15.000 abitanti è eletto Sindaco al primo turno il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi (almeno il 50% più uno). Qualora nessun candidato raggiunga tale soglia si tornerà a votare la seconda domenica successiva (8 giugno 2014) per scegliere tra i due candidati che al primo turno hanno ottenuto il maggior numero di voti (ballottaggio). In caso di parità di voti al primo turno, verrà ammesso al ballottaggio il candidato alla lista più votata (maggiore cifra elettorale) e, in caso di ulteriore parità, verrà ammesso il più anziano di età (gli stessi criteri saranno usati in caso di parità nel ballottaggio).
Al secondo turno viene eletto Sindaco il candidato che ottiene il maggior numero di voti.

Per stabilire la composizione del Consiglio si tiene conto dei risultati elettorali del primo turno e degli eventuali ulteriori collegamenti nel secondo. In pratica, se la lista o l'insieme delle liste collegate al candidato eletto Sindaco nel primo o nel secondo turno non hanno conseguito almeno il 60% dei seggi ma hanno ottenuto nel primo turno almeno il 40% dei voti, otterranno automaticamente il 60% dei seggi. I seggi restanti saranno divisi tra le altre liste proporzionalmente alle preferenze ottenute.

Candidati sindaco e liste collegate


Documenti necessari per essere ammessi al voto

Per essere ammessi al voto gli elettori dovranno esibire:

  • la tessera elettorale (in caso di smarrimento l'Ufficio Elettorale è a disposizione per il rilascio di un duplicato venerdì 23 e sabato 24 maggio dalle 9 alle 18 e domenica 25 maggio per tutta la durata delle operazioni di votazione);

  • un documento di riconoscimento rilasciato dalla Pubblica Amministrazione, munito di fotografia (per esempio carta d'identità, patente, passaporto, libretto di pensione). Il documento è considerato valido per accedere al voto anche se scaduto, purché risulti sotto ogni altro aspetto regolare e possa assicurare la precisa identificazione dell'elettore.
    In alternativa è possibile presentare la tessera di riconoscimento rilasciata da un ordine professionale o la tessera di riconoscimento rilasciata dall’Unione nazionale ufficiali in congedo d’Italia, purché convalidata da un Comando militare.
    In mancanza di documento, l'identificazione può avvenire anche attraverso uno dei membri del seggio che conosca personalmente l'elettore e ne attesti l'identità oppure un altro elettore del Comune (conosciuto al seggio e provvisto di documento di identificazione), che ne attesti l'identità;

  • gli elettori che hanno diritto al voto assistito, con problemi di natura fisica non riscontrabili in maniera evidente, devono presentare al momento del voto un apposito certificato medico. Per ulteriori informazioni su come ottenere la certificazione di accompagnamento ai seggi consultare la notizia "Istruzioni per il voto assistito".

 

Scrutini

Gli scrutini delle votazioni per il Parlamento Europeo cominceranno domenica 25 maggio al termine delle operazioni di voto.
Gli scrutini delle votazioni per il Sindaco e il Consiglio comunale inizieranno lunedì 26 maggio alle ore 14.

--------------

Per ulteriori informazioni: Ufficio Elettorale, tel. 051.6812756, elettorale@comunepersiceto.it.
Si ricorda che l'accesso all'ufficio è in via Roma 2.

Ultima modifica 26/05/2014 08:45

Azioni sul documento

Prossimi eventi
"L'orto culturale" 11/11/2017 - 23/12/2017 — Iis "Archimede", atrio
"Quando la biblioteca era ospedale" 12/11/2017 - 25/11/2017 — Palazzo SS. Salvatore, sala esposizioni
"Il dono è vita" 15/11/2017 - 05/12/2017
Prossimi eventi…
Calendario
« novembre 2017 »
novembre
lumamegivesado
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930