Allerta per criticità idraulica

L'Agenzia regionale di Protezione Civile ha diramato un aggiornamento alle ultime allerte meteo, confermando per la giornata di mercoledì 15 maggio sul nostro territorio criticità idraulica, ma con intensità in attenuazione (codice arancione), legata alle situazioni critiche in atto nei tratti vallivi dei corsi d'acqua.
Allerta per criticità idraulica

Logo della Protezione civile regionale

Mercoledì 15 maggio

Nessun fenomeno meteorologico da segnalare ai fini dell'allertamento. La criticità idraulica gialla nelle macroaree F e D è dovuta al lento deflusso delle piene di Secchia e Reno. Si segnala una situazione di criticità locale arancione sulla sezione di Gandazzolo Reno e Savena.

Martedì 14 maggio

Per la giornata di mercoledì 15 maggio non sono previsti fenomeni meteorologici ai fini dell'allerta. Si segnalano precipitazioni in mattinata, deboli con locali rovesci, più probabili sul settore orientale. La criticità idraulica arancione nelle zone B, D ed F è legata alle situazioni critiche in atto nei tratti vallivi dei corsi d'acqua. La criticità idrogeologica nelle zone A, B, C ed E è riferita principalmente alla possibilità di fenomeni franosi dovuti alle precipitazioni occorse.

Lunedì 13 maggio

Per la giornata di lunedì 13 maggio 2019 sono previste precipitazioni moderate sull'Appennino centro-orientale e sulla Romagna, sparse a carattere irregolare altrove. Le precipitazioni sono previste in attenuazione nella prime ore di martedì 14 maggio. Sono inoltre previsti venti forti di bora (nord-est) sulla costa, con intensità attorno a 60-65 km/h e raffiche fino a 90 km/h. La ventilazione tenderà ad attenuarsi nella seconda parte della giornata di martedì 14 maggio. Il mare sarà inizialmente molto mosso e localmente agitato al largo; il moto ondoso tenderà ad attenuarsi nelle prossime ore. La criticità elevata (colore rosso) sulla macroarea F è relativa al transito della piena nei fiumi Secchia e Panaro; sulla macroarea D è riferita al transito della piena negli affluenti di destra del Reno; sulla macroarea B al transito della piena in tutti i fiumi romagnoli.

Domenica 12 maggio

Persiste la permanenza di un minimo depressionario sull'Italia con precipitazioni intense che interesseranno gran parte del territorio regionale in particolare saranno più intense sulle macroaree A, B, E, C. I fenomeni saranno anche a carattere temporalesco. Ventilazione ancora sostenuta sul crinale appenninico, sulla costa e sulla Romagna (macroaree G1, E1, C1, A1, A2, B1, B2, D2). Mare molto mosso, agitato al largo.

Sabato 11 maggio

Dalle prime ore della giornata di domenica 12 maggio la discesa di una saccatura sulla Penisola Italiana, e la successiva formazione di un minimo depressionario al suolo, porterà un deciso peggioramento delle condizioni meteorologiche. In particolare, si prevede su tutto il territorio regionale un aumento dell'instabilità atmosferica, associata a fenomeni temporaleschi diffusi e in intensificazione sul settore orientale nella seconda parte della giornata. Si prevede anche un aumento della ventilazione sul crinale appenninico e sul settore costiero che, congiuntamente alle raffiche associate ai fenomeni temporaleschi, potrebbe superare nel pomeriggio/sera la soglia di 40 nodi (valore 8 della scala Beaufort). Intensificazione anche del moto ondoso nella seconda parte della giornata, con altezza dell'onda prevista superiore a 2,5 metri.

Venerdì 10 maggio

Nella giornata di sabato 11 maggio il passaggio di un sistema perturbato sul nord-Italia determinerà condizioni di marcata instabilità con precipitazioni sparse sulla nostra regione. Dal pomeriggio sono previsti temporali localmente anche forti, più probabili sulle zone di pianura prossime al Po, con associate raffiche di vento che potranno raggiungere localmente valori approssimativamente intorno ai 90 Km/h. I fenomeni saranno in temporanea attenuazione nel corso della notte. La criticità idraulica gialla nella zona F è riferita al lento deflusso della piena nei tratti vallivi del Fiume Secchia.

Mercoledì 8 maggio

La giornata di giovedi' 9 maggio sara' caratterizzata dal transito di una perturbazione di origine atlantica che apportera' precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale (fenomeni non previsti in forma organizzata) piu' probabili sui rilievi centro-occidentali nella prima parte della giornata. Si prevede anche un'intensificazione del vento sulle cime piu' alte dei rilievi. I fenomeni citati sono previsti con valori inferiori alle soglie di allertamento. La criticità idraulica gialla nelle zone F e D è riferita alla propagazione delle piene nei tratti vallivi di Secchia e Reno.

Martedì 7 maggio

Per la giornata di mercoledì 8 maggio non sono previsti fenomeni meteorologici significativi al fini dell'allerta. La criticità idraulica gialla nelle zone F e D è riferita alla propagazione delle piene nei tratti vallivi di Secchia e Reno. Si segnala la possibilità di deboli precipitazioni che interesseranno prevalentemente il settore occidentale.

Lunedì 6 maggio

Generale miglioramento delle condizioni del tempo, non è previsto alcun fenomeno meteorologico significativo ai fini dell'allerta. La criticità idraulica è riferita alla propagazione delle piene fluviali nei tratti di valle, prodotte dalle elevate precipitazioni delle ultime 36 ore. Le stesse precipitazioni determinano una criticità idrogeologica nelle aree collinari-montane.

Sabato 4 maggio

La discesa di un nucleo di aria fredda polare da nord determinerà condizioni di forte instabilità per domenica 5 maggio. Nella prima parte della giornata si prevedono precipitazioni diffuse di moderata-forte intensità sui settori centro-occidentali, con locali rovesci temporaleschi e nevicate al di sopra dei 700-800 metri, con accumuli anche di 30 cm sull'alto Appennino.

La perturbazione tenderà a traslare verso est nella seconda parte della giornata interessando più diffusamente il settore orientale, con precipitazioni moderate-elevate, anche a carattere temporalesco e quota neve sopra i 1000 m. Le suddette precipitazioni determineranno criticità idraulica arancione sulle zone A, B, C e D, riferita principalmente agli affluenti del Reno e ai fiumi Romagnoli. Nella zone E, F, H la criticità idraulica gialla è riferita ai piccoli bacini collinari.

Sui settori orientali sono previsti inoltre venti forti da nord est con raffiche attorno a 90 km/h. Mare sino ad agitato con altezza d’onda tra 2-3 metri, con possibilità di ingressione marina.

Per la giornata di lunedì 6 deboli precipitazioni interesseranno solo la Romagna e limitatamente alle prime ore; la ventilazione e lo stato del mare rientreranno sotto i valori di soglia già dal mattino.

Per informazioni: Allerta Meteo Emilia Romagna

Ultima modifica 17/05/2019 15:17

Azioni sul documento

Prossimi eventi
"Di-Segni - Il Buono, il Mostro e il Cattivo" 18/05/2019 - 26/05/2019 — Istituto Malpighi (sede di Persiceto) e Palazzo SS. Salvatore
Carnival Beer Fest 24/05/2019 - 25/05/2019
Festa delle Spighe 24/05/2019 - 27/05/2019
Prossimi eventi…
Calendario
« maggio 2019 »
maggio
lumamegivesado
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031