Coronavirus: misure straordinarie a sostegno delle famiglie

Venerdì 6 marzo la Giunta comunale ha deliberato alcune misure straordinarie a sostegno delle famiglie che fruiscono dei servizi educativi e scolastici, per mitigare il disagio dovuto ai provvedimenti nazionali di contenimento della situazione epidemiologica da Covid-19 e al conseguente mancato utilizzo dei servizi comunali:

  • le rette dei nidi comunali verranno ricalcolate in modo che il periodo di chiusura/sospensione del servizio educativo non venga conteggiato; dalla retta del mese di febbraio verranno escluse le settimane non fruite
  • le rette dei servizi scolastici di refezione, trasporto, anticipo e prolungamento di orario verranno ricalcolate prevedendo che il periodo di chiusura/sospensione delle scuole non venga conteggiato.

In particolare, per le rette relative al mese di febbraio:

  • dal calcolo della retta della refezione verranno escluse le settimane non fruite;
  • essendo la retta dei servizi di trasporto scolastico e anticipo/prolungamento pagata su base trimestrale (gennaio-marzo), l’importo delle settimane non fruite verrà stornato nella retta del trimestre successivo oppure, per chi non è iscritto al trimestre successivo, si provvederà a un rimborso.

I bollettini che gli utenti stanno ricevendo in questi giorni riguardano il mese di gennaio (refezione e nido) che non prevede il ricalcolo della retta e quello trimestrale del trasporto scolastico e dell’anticipo/prolungamento per cui si prevede subito il pagamento ma sarà successivamente da trattare come indicato sopra.

La Giunta ha inoltre dato mandato al Dirigente competente di riprogrammare le ore di lavoro degli educatori al fine di recuperare i servizi non erogati, con modalità in fase di definizione.

Puoi trovare in sintesi tutte le informazioni utili sulla gestione dell’emergenza epidemiologica dovuta al Coronavirus nella sezione tematica dedicata sul sito istituzionale del Comune.

Vai ad inizio pagina