Museo del Cielo e della Terra


L’area astronomica e di storia naturale del Museo


Il video, a cura del Gruppo Astrofili Persicetani, illustra l’area del Museo del Cielo e della Terra, con accesso da vicolo Baciadonne 1, che comprende: il Planetario che permette l’osservazione di oggetti reali del cielo tramite un collegamento col telescopio dell’adiacente Osservatorio astronomico ma anche diverse osservazioni virtuali; l’Osservatorio è dotato inoltre di un eliostato, uno strumento che permette di proiettare l’immagine del sole su un tavolino e di osservare in modo sicuro e agevole le macchie solari; il Museo del Planetario che conserva la collezione di meteoriti più importante d’Italia; la Stazione meteorologica in grado di monitorare direzione e velocità del vento, piovosità, pressione, temperatura e umidità dell’aria; l’Orto botanico che si estende su una superficie di quasi due ettari, nei quali è possibile osservare circa 300 specie di piante tra le più significative del territorio emiliano-romagnolo.
Video realizzato da Alessandro Marchetti, le foto inserite nel video sono state fatte da Valentino Luppi e Gilberto Forni con la strumentazione dell’Osservatorio.

“Persiceteidi 2014”


Video in “time lapse” a cura del Gruppo Astrofili Persicetani che mostra l’affluenza dei visitatori al planetario e osservatorio astronomico di San Giovanni in Persiceto nelle serate dal 10 al 12 agosto 2014 per osservare il fenomeno delle Perseidi, le stelle cadenti note come lacrime di San Lorenzo. I tre giorni di apertura continuata hanno visto un afflusso costante di persone, anche da molti paesi limitrofi, raggiungendo quasi le 1.000 unità.
Nel corso dell’evento l’impegno del Gruppo Astrofili Persicetani si è concretizzato in 14 proiezioni nella cupola del planetario, spiegazione dei fenomeni celesti per i visitatori in giardino, presenza costante all’interno della cupola dell’osservatorio e divulgazione tecnica nell’area del museo dedicata ai meteoriti.

Azioni sul documento