La Collegiata e la Torre civica

La storia

La storia di questa chiesa parte qualche secolo prima del 1000 per arrivare attraverso alterne e complesse vicende fino ai nostri tempi. Nel 900 d.C. esisteva già una chiesa dedicata al Battista, forse di origine longobarda. San Giovanni Battista, infatti, è uno dei santi a cui i longobardi si affidavano e a cui molte delle loro chiese sono state dedicate. Nel 1100, in epoca matildica, la chiesa fu sostituita da un’elegante costruzione romanica che si inseriva nello stile e nella cultura tipica di questa terra. Era situata nel mezzo di quella che è ora la Piazza del Popolo con la facciata situata a pochi metri di distanza dall’odierno palazzo comunale.

Alla fine del 1600 la chiesa fu ritenuta ormai irrecuperabile, anche perché erano notevolmente cambiati i gusti e i riferimenti estetici. Si decise di abbattere la veneranda costruzione che aveva accolto per almeno cinque secoli la comunità cristiana e si intraprese la costruzione che oggi vediamo, arretrata rispetto alla precedente così da lasciare spazio per una vasta piazza sulla quale cominciarono ad affacciarsi edifici di varia importanza. La nuova collegiata fu iniziata nel 1671, su progetto dell’architetto bolognese Paolo Maria Canali, mentre ai fratelli Borrelli vennero affidate le decorazioni a stucco.

 

La facciata

La chiesa fu consacrata il 17 maggio 1739 dal Cardinale Prospero Lambertini (il quale l’anno successivo diventerà Papa con il nome di Benedetto XIV). La Collegiata persicetana, già finita, decorata e consacrata, mancava tuttavia di un elemento caratterizzante: la facciata. L’occasione per realizzarla si presentò nel 1828, quando il Papa Gregorio XVI elevò al grado di “Città” il paese di San Giovanni. Per ricordare l’evento si decise quindi di erigere la facciata della Collegiata secondo lo stile neo-classico imperante in quel tempo, affidando i  lavori all’ingegner Luigi Gamberini e all’architetto Leandro Marconi.

L’Arciprete Don Sacchetti “a sue spese” fece poi plasmare dallo scultore Bernardino Bernardi un basso rilievo nel timpano che rappresenta il trionfo della Religione (attraverso la raffigurazione di tre figure simboliche, probabilmente le tre virtù teologali) in evidente polemica con le tendenze anticlericali che circolavano. Dello stesso scultore sono le statue dei quattro evangelisti (San Marco con il leone, San Luca con il vitello, San Matteo con l’angelo e San Giovanni con l’aquila) che furono collocate nelle nicchie della facciata. Il 12 agosto 1857 Papa Pio IX fu accolto nella Collegiata finalmente ultimata con la monumentale facciata che oggi, in seguito a completo restauro, ha ritrovato lo smalto delle sue origini. Sul finire dell’ottocento il decoratore Giovanni Battista Baldi completò anche le decorazioni pittoriche interne.

 

L’interno

La chiesa è a croce latina e si presenta ad unica navata con cappelle laterali. Entrando, sulla sinistra della navata, sopra l’altare della prima cappella si può ammirare un pregevole dipinto del Guercino (1591-1666): Sant’Antonio da Padova con il Bambino Gesù; nella stessa cappella è situata la cosiddetta Madonna del Popolo (un affresco del XV secolo). Nella cappella successiva, sopra all’altare, si trova la tela rappresentante Sant’Anna, la Vergine bambina e San Gioacchino del pittore persicetano Ubaldo Gandolfi (1728-1781), mentre la terza cappella ospita un crocifisso in legno d’ulivo policromato del secolo XVI.

Sopra l’altare del transetto di sinistra è collocata la Presentazione di Gesù al clero, opera di Ercole Graziani (1688-1765). Sul fondo della parete absidale trova posto la Decollazione di San Giovanni Battista di Alessandro Guardassoni (1819-1888). Davanti al coro scolpito nel XVIII secolo, è situata la vasca battesimale in marmo rosso di Verona (1450), la cui copertura è sormontata da una statuetta in legno dorato raffigurante San Giovanni Battista (sec. XVIII).

Sempre nel vano absidale si trovano due statue di Giuseppe Borrelli raffiguranti San Pietro e San Paolo. Sull’altare del transetto di destra è invece posto il famoso quadro di Francesco Albani (1578-1660) che raffigura i Ss. Rocco e Sebastiano in adorazione della Vergine (la cosiddetta Pala della Partecipanza), ex voto della peste del 1630. Lungo i bracci del transetto si trovano otto pregevoli bassorilievi in terracotta dell’artista bolognese Angelo Gabriello Piò (1690-1769). Volgendo le spalle al presbiterio, nella prima cappella sulla sinistra della navata si può ammirare una statua in terracotta policromata raffigurante la Madonna del Rosario. Sempre di Piò, nella cappella successiva si trova la statua della Madonna del Carmine col Bambino. Alla sinistra della chiesa si trova la canonica, databile tra la fine del XVII secolo e l’inizio del XVIII, e recentemente restaurata.

 

La torre civica

Tra il 1296 e il 1298 venne costruita una torre a base quadrata con scopo di avvistamento e di difesa. Della sua esistenza ne troviamo per la prima volta descrizione in un documento del 1305. La Torre, già negli estimi (denunce catastali) del 1315 e del 1385, era dichiarata proprietà comunale. Agli inizi del XV secolo la comunità cedette alle lusinghe di Nicolò d’Este, ma quando nel 1417, dopo sedici anni di ribellione, venne ristabilita la dipendenza da Bologna, la città fu punita con l’abbassamento della torre.

Sul principio del XVI secolo il fabbricato subì una profonda incrinatura superiore, forse in seguito alla caduta di un fulmine oppure in conseguenza del terremoto del 1505. Dopo vari restauri, nel 1626 la Torre venne fornita di balaustrata e cupola. Nel 1644 si provvide al suo innalzamento di circa 11 metri con la conseguente ricostruzione della copertura.

Nel centro di San Giovanni in Persiceto, punto nevralgico della vita comunitaria da oltre un millennio, sono accostate tra loro Torre Civica e Chiesa, tanto vicine da formare quasi un solo ed inscindibile edificio. Col tempo essa ha però cambiato la sua originale funzione, pur restando di proprietà del comune, tanto da diventare un vero e proprio campanile, su cui trova posto l’orologio meccanico e alla sommità un quarto di campane. Recentemente restaurata, la Torre con i suoi 48 metri di altezza si stacca notevolmente dal panorama circostante, diventando un vero e proprio simbolo del paese, visibile già da molti chilometri di distanza.

 

Ultima modifica 16/06/2010 12:41

Azioni sul documento

Prossimi eventi
"Alla ricerca della cometa di Natale: viaggio nel tempo e nello spazio" 19/12/2014 15:20 — Planetario, vicolo Baciadonne 1
Inaugurazione scuola "Garagnani" post sisma 20/12/2014 11:00 - 13:00 — Le Budrie, via Budrie 79
"Casa del volontariato" 20/12/2014 16:30 - 19:30 — Teatro comunale
Prossimi eventi…
Calendario
« dicembre 2014 »
dicembre
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Mude per il terremoto